l’acqua e la luce nel delta del po

 

L’acqua e la Luce, mostra personale dell’artista Graziella Da Gioz, vedrà la luce nelle sale del Museo Della Bonifica di Ca Vendramin a Porto Tolle (RO).

Graziella Da Gioz nasce a Belluno nel 1957. Frequenta l’Accademia di Belle Arti a Venezia seguendo i corsi di Emilio Vedova che sceglie alcuni suoi lavori per la mostra “Vedova e il laboratorio” al Museo d’Arte Moderna di Strasburgo.

Un incontro significativo è quello con il poeta Andrea Zanzotto, la cui opera diventa fonte d’ispirazione, nascono così alcune illustrazioni di liriche pubblicate nella rivista parigina “Noise” (1986) e una serie di incisioni presenti nella mostra personale a Palazzo Sarcinelli, Conegliano (1992). Dal 1979 espone in spazi pubblici e privati e collabora con alcune Gallerie d’Arte. Alterna la pittura ad olio e a pastello all’incisione che espone in rassegne nazionali e internazionali.

Nel 2006 esce il libro d’artista “Dal paesaggio”, edito e tirato da Corrado Albicocco, Udine, con nove incisioni, alcune poesie di Andrea Zanzotto e la postfazione di Manlio Brusatin, che presenta in luoghi pubblici e privati in varie città italiane (2006-2013).
Nel 2009 Marco Goldin la invita alla rassegna “Pittura d’Italia. Paesaggi veri e dell’anima” Castel Sismondo di Rimini e a “Italia dipinta” Università IULM di Milano con alcuni quadri ad olio dedicati alla neve.

Nel 2011 è invitata alla 54° Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, Padiglione Italia, Villa Contarini a Piazzola sul Brenta.Esce il libro d’artista “Le stagioni sulla Marteniga” di Tina Merlin, Edizioni Colophon Belluno, a cui dedica una serie di pastelli e un’incisione.
Nel 2012 espone una cinquantina di opere nella personale “Disgelo” presso la Galleria laRinascente a Padova. Nel 2012-13 è presente in rassegne d’incisione nazionali e internazionali a Udine, Urbino, Napoli, Passariano, Bassano del Grappa, Torino.
Nel 2013 tiene una mostra personale Alla Villa Ancilotto di Crocetta del Montello sul tema del paesaggio e nel 2014 partecipa alla mostra “Attorno a Vermeer. I volti, la luce, le cose” a cura di Marco Goldin a Palazzo Fava, Bologna. Insegna Discipline Pittoriche al Liceo Artistico di Nove (VI) e vive a Crespano del Grappa (TV)